Progetti per l’estate

KODAK Digital Still Camera

E finalmente è arrivata l’estate, la seconda anomala da quando è iniziata questa follia, quindi niente gite, niente viaggi, niente visite per Musei e simili, visto che non mi va di deprimermi.
Per fortuna ci sono due cose che mi rendono felice: il mio gatto Felix e ovviamente la scrittura. Scrivere è stata la mia attività principale a partire da marzo dell’anno scorso, e continuerà ad esserlo temo ancora per molto. 
Ci sono i tre ultimi libri usciti, i saggi su Once upon a time Game of Thrones e La riscossa delle nerd, nelle prossime settimane saprò quando uscirà per Yume il libro sulle streghe nell’immaginario fantastico e ho firmato per Edizioni NPE per l’anno prossimo il contratto per l’Enciclopedia del fantasy. E in parallelo sto scrivendo un saggio sulle guerriere tra Storia e immaginazione, una Storia delle serie TV di fantascienza e una sull’urban fantasy partendo dalle serie televisive, con tanto di scorpacciata di vampiri, streghe e licantropi.

Alcune cose di chi scrive

Ho trovato un paio di cosette curiose on line sul lavoro di scrittore e i suoi inconvenienti:

192506754_1621333838056781_1047505484243958358_n

Che tipo di scrittrice sono? A metà tra una pianificatrice neutrale e una pianificatrice caotica, nel senso che mi faccio degli schemi di massima, ma poi procedo a caso, scrivendo un po’ qua e un po’ là, e mettendo tutto insieme poi. Ma con la saggistica forse è più facile, sarà dura se e quando deciderò di rimisurarmi con la narrativa.

200776971_10226262463537145_9155497561505021721_n

Ah, le domande e affermazioni alla cavolo, tipo che non è un lavoro vero (fa il paio con i fumetti sono un hobby, trovati un lavoro serio!), che è un modo per passare il tempo se non si niente di meglio da fare, e sul volere sapere tutto in maniera disordinata. E pazienza, ma comunque le cose rispetto ad anni fa sono cambiate e di parecchio, come anche nel mondo del fumetto.

104538733_2607698669496051_759120664008918082_n

E questa è la cosa che come persona, prima che come scrittrice, temo di più: la monotonia e la routine. Poveri noi!

Perché continuare a scrivere

KODAK Digital Still Camera

Ho da poco affrontato un momento di crisi legato alla scrittura, diciamo che il mio disamore verso il mondo della cultura, troppo legato alle idiozie governative, non aiutava e non aiuta.
Però poi ho visto il mio libro La riscossa delle nerd, ho avuto conferma dell’uscita in quest’autunno del saggio sulle streghe nell’immaginario fantastico, ho trovato un editore per l’Enciclopedia del fantasy che uscirà l’anno prossimo e quindi mi sono rimessa in carreggiata, anche perché non è che al momento abbia molto altro da fare.
Tutti i miei altri progetti, la libreria sul fantastico, la casa editrice in tema, le consulenze editoriali, l’attività da personal organizer, l’organizzazione di eventi, sono fermi e non so se torneranno, continuo a fare la cat sitter e poco altro. Inoltre, non è nemmeno detto che voglia tornare a fare queste cose, si cambia.
In parallelo, studio le lingue, cosa sempre utile, e ho ripreso a disegnare, anche con l’ausilio della tavoletta grafica, ma mi sono quindi concentrata, oltre che sulla promozione dei miei libri passati e sul seguire i libri usciti o in preparazione, sui tre nuovi progetti sulle guerriere, sull’urban fantasy televisivo e non, e sulla fantascienza in TV. E poi vedrò.

KODAK Digital Still Camera

173170100_2914712035512420_682410791031283224_n166716720_309360627425639_4247168794991570762_n