I nerd at home

Ho aderito all’iniziativa #inerdathome di Lucca Comics and Games, raccontando le cinque attività a cui mi sto dedicando in questo periodo.

Io sto ascoltando diversi CD con la musica di Wolfgang Amadeus Mozart, perché mi ricordano la mia vacanza a Vienna di tanti anni fa, la mia mitica prof Radicati di musica che avevo alle medie ma anche perché considero Mozart uno dei massimi geni di tutti i tempi.
Consiglio a chiunque pensa che la musica classica sia noiosa di ascoltare Mozart, l’equivalente alla sua epoca di una rock star di oggi.
Spero che un giorno o l’altro in un serial come Doctor Who dedichino un episodio a Mozart come hanno fatto con Van Gogh. E non sarebbe male anche una graphic novel in tema… Oltre a Mozart adesso sto ascoltando anche altri compositori, come Beethoven, Verdi, Čajkovskij, Rossini, gli Strauss e altri.

Io sto facendo delle ricerche sulle streghe.
Uno dei miei prossimi saggi riguarderà come la strega è stata vista nell’immaginario fantastico, per cui sto spaziando tra romanzi, fiabe, folklore, serie TV, alcune note, altre meno, fumetti, film, cartoni animati e altro ancora.
La strega mi affascina da sempre, come lato oscuro delle principessine da fiaba ma anche come ribelle. Caruccio il reboot contemporaneo di Streghe, mentre Il manoscritto delle streghe ha buoni spunti ma puzza troppo di romance per i miei gusti.

Io sto guardando a manetta film, telefilm e serie animate di genere fantasy.
Sto scrivendo un’enciclopedia sul fantasy e sul fiabesco, ed è la buona occasione per ripassare titoli evergreen, come Il signore degli anelli, per vedere le ultime novità oltre a Game of Thrones, per scoprire chicche nascoste di anni fa o rivedere cose che non guardavo da anni.
Comunque il mio film cult fantasy di sempre è e resta Labyrinth, con il mitico David Bowie.

Io sto scrivendo un saggio sulle serie TV di fantascienza un progetto che ho da tempo, visto che sono appassionata, da brava nerd, di questi universi fantastici da una vita.
Le serie TV di fantascienza non sono solo quelle più note, come Doctor Who, Star Trek e The X-Files, ce ne sono tantissime altre, alcune vecchissime, come il mitico Dottor Quatermass, senza parlare delle continue nuove uscite.
Un mondo di storie senza fine che è bello scoprire.

Io sto progettando una rivista sul fantastico.
Sono da anni un’assidua lettrice della bellissima rivista inglese SFX e conosco altre pubblicazioni del genere e penso che manchi qualcosa così in italiano.
In tanti ci hanno provato, ma forse senza convinzione: io sto preparando un numero 0 di prova, che verrà distribuito sotto forma di PDF. Sto cercando un direttore responsabile iscritto all’albo dei pubblicisti, sponsor e contributi per farla crescere. Inizierà come pubblicazione on line ma mi piacerebbe che diventasse cartacea. E intanto preparo il numero 0 o meglio, è già pronto qui.

Il numero Zero di Sf & Fantasy

Avevo un progetto che mi girava in testa da tempo, quello di fare una rivista sul modello della mitica SFX di cui sono una lettrice assidua da tempo.
Avevo già messo giù un po’ di roba, poi è arrivata la quarantena e dato che non posso andare in tutti i posti in cui amo andare, dalle biblioteche alle fumetterie, non mi piace poltrire tutto il giorno sul divano anche se ho Felix che mi fa le coccole e non mi piace stare alla finestra a tirare insulti e maledizioni contro chi ha osato uscire (perché ne aveva bisogno…), ho messo giù il numero Zero di prova che adesso girerà.
Cerco un direttore iscritto all’albo dei giornalisti, io purtroppo non lo sono e posso al massimo fare la redattrice, cerco sponsor e pubblicità, proposte, e tutto quello che mi verrà sottoposto in merito.
Al momento la rivista è in formato pdf, 24 pagine, ma spero di raddoppiare la foliazione, e un giorno o l’altro di farla diventare cartacea.
Ecco il numero Zero buona lettura e a presto

Numero Zero